Nuove proteste contro l’abbattimento degli alberi della SP259

L’Ordine degli Architetti e quello degli Agronomi e dei Forestali si schierano contro l’abbattimento degli alberi secolari della SP259 della Val Vibrata e chiedono all’Anas di fermarsi.
Ne sarebbero infatti a rischio oltre 300, come abbiamo già scritto nei giorni scorsi.

Link dazibao.it –> Oltre 300 alberi a rischio lungo la strada della Val Vibrata

I due Ordini prendono posizione nello stesso giorno in cui il Corriere Adriatico riporta due posizioni contrastanti sul tema. Una è quella del Sindaco di Colonnella Leonardo Pollastrelli che, in merito all’abbattimento dei pini nell’area del Brico Center, parla di <<Sacrificio utile per la sicurezza>>.
L’altra è del Conalpa (Coordinamento nazionale alberi e paesaggio Onlus) che parla di <<grave errore>>.alberi 1

Nella lettera di Raffaele Di Marcello, presidente dell’Ordine degli Architetti di Teramo, e di Meri Serrini, presidente del Ordine degli Agronomi e dei Forestali:

Spett.le ANAS,

è notizia degli scorsi giorni che vostri incaricati stanno provvedendo al taglio delle alberate
stradali lungo strade statali nel territorio provinciale, e in particolare, lungo la SS 259, per presunte
ragioni di sicurezza.

I sottoscritti Ordini, nel ricordare la circolare dell’allora Ministero dei Lavori Pubblici n. 8321
del 11/08/1966, avente ad oggetto “Alberature stradali. Istruzioni per la salvaguardia del patrimonio
arboreo in rapporto alla sicurezza della circolazione stradale”, tuttora attuale per contenuti e
lungimiranza delle considerazioni, e del Ministero dei Trasporti in data 10/06/2011, Prot. 3224 avente
ad oggetto “Richiesta di parere D.Lgs. 285/92 art. 14 – Alberi ubicati nelle pertinenze stradali” e nel
richiamare la normativa vigente in maniera di tutela degli esemplari arborei, singoli o in filari (in
particolare Legge 14 gennaio 2013, n. 10 e Decreto Legislativo 22 Gennaio 2004, n. 42), chiedono
che vengano interrotti i lavori di cui sopra, attivando un tavolo di consultazione con tutti gli Enti e Organismi preposti alla tutela ambientale e paesaggistica, onde verificare la reale necessità dell’eliminazione degli esemplari arborei e l’esistenza di azioni alternative all’abbattimento.
Si chiede, altresì, ai sensi dell’art. 25 L. 241/90, che vengano forniti agli scriventi, a mezzo
pec, tutti i documenti relativi alle autorizzazioni ai tagli e allo smaltimento del materiale arboreo.
Agli Enti e Organismi che leggono per conoscenza si chiede, altresì, di esercitare l’attività di
controllo e indirizzo di competenza, favorendo l’istituzione di un tavolo di lavoro che permetta di
contemperare la tutela del paesaggio e dell’ambiente, mantenendo i servizi ecosistemici garantiti dai
filari alberati lungo le strade, con le esigenze di sicurezza di circolazione stradale.

I due presidenti hanno anche rilasciato dei commenti come riportato da CityRumors.it:

Link CityRumors.it –> Taglio delle alberate sulla Statale 259: architetti e agronomi chiedono lo stopalberi 2

 

Precedente L'Anas torna a tagliare gli alberi lungo la strada della Val Vibrata Successivo Il miraggio della fibra ottica in Val Vibrata