Specchio riflesso sulla pista ciclabile lungo il Vibrata: Regione e sindaci si rimpallano la responsabilità politica

Pochi giorni fa avevamo ricostruito la lunga vicenda della pista ciclabile lungo il torrente Vibrata, arrivando alla prima conclusione che nessuno sembra essere il colpevole politico di quest’opera-disastro:

Link dazibao.it —> Quel pasticciaccio brutto della pista ciclabile lungo il torrente Vibrata

Il rimbalzo di responsabilità nel frattempo è continuato.

Il primo ad intervenire è stato Dino Pepe, assessore della Regione Abruzzo, che ha smarcato la giunta che rappresenta dalle responsbilità politiche, scaricandole tutte sui sindaci della Val Vibrata:

Link ilcentro.it —> Pepe: ciclabile, colpa dei Comuni

Immediata è arrivata la risposta dell’Unione dei comuni della Val Vibrata, tramite il suo presidente Angelo Panichi che rappresenta i 12 sindaci. Panichi, ovviamente, ha rispedito al mittente le colpe, dopo aver ricostruito un altro pezzo dell’iter burocratico dell’opera.

Link ilcentro.it —> Pista ciclabile franata «La colpa non è dei sindaci»

Conclusioni

Il colpevole ancora non si trova.

Le indagini continuano…

Precedente Quel pasticciaccio brutto della pista ciclabile lungo il torrente Vibrata Successivo La Val Vibrata cerca un posto nella storia

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.